Lavoratori.Blog
casa soldi

Agente immobiliare: il percorso formativo e le prospettive di lavoro

L’agente immobiliare è colui che, alle dipendenze di un’agenzia o in proprio, svolge un servizio diretto a favorire la conclusione di un affare, nello specifico di un contratto di compravendita o locazione immobiliare. Egli è, di fatto, un mediatore nel ramo immobiliare e presta assistenza e tutela gli interessi di entrambe le parti del contratto. Proprio per questo motivo, alla conclusione del contratto, riceve la provvigione da entrambe le parti. La sua provvigione è commisurata al valore dell’affare, pertanto maggiore è il prezzo di vendita o di affitto dell’immobile, più alto sarà il suo guadagno.

Una delle mansioni che l’agente deve svolgere è quella di effettuare una stima dell’immobile oggetto del contratto. L’adempimento deve essere effettuato sulla base dei criteri di correttezza e imparzialità, visto che dal valore dell’immobile deriverà la sua provvigione.

La disciplina legislativa che regolamenta la professione è contenuta nelle seguenti fonti:

  • Legge n. 39 del 03/02/1989, che ha modificato ed integrato la L. 253/58;
  • D.M. n. 452 del 21/12/1990, contenente il regolamento delle norme di attuazione della legge;
  • D.lgs. n. 59 del 26/03/2010, che ha dato attuazione alla direttiva 2006/123/CE;
  • D.M. del 26/10/2011, che ha previsto le modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti che esercitano l’attività di mediatore;
  • D.M. 23/4/2013, che ha prorogato i termini per gli adempimenti previsti dagli articoli 10 e 11 dei decreti del 26/10/2011, in tema di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA di alcuni soggetti.

I requisiti

Per poter svolgere la professione di agente immobiliare, è necessario possedere i seguenti requisiti:

  • Aver conseguito il diploma di scuola secondaria superiore, in qualsiasi indirizzo scolastico;
  • Essere cittadino italiano o di uno degli Stati membri dell’UE, oppure extra­comunitario con residenza o domicilio professionale in Italia;
  • Non essere stato sottoposto a misure di prevenzione, divenute definitive, a norma del Codice delle leggi antimafia;
  • Non essere stato interdetto o inabilitato o dichiarato fallito;
  • Non aver subito condanne per delitti di qualsiasi natura;
  • Godere dei diritti civili.

L’esercizio dell’attività di mediazione è incompatibile con l’esercizio di attività imprenditoriali e professionali e con lo status di lavoratore dipendente, pubblico o privato. Tali incompatibilità sono, tuttavia, destinate probabilmente a venire meno in quanto l’Unione Europea con D.L., approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 06/09/2018, ha chiesto che l’Italia rimuova i numerosi vincoli che ancora gravano sui mediatori immobiliari. È probabile che già il prossimo 2019 riservi delle novità in tal senso.

Il percorso da seguire

Per potersi abilitare allo svolgimento dell’attività di mediatore immobiliare, è necessario frequentare un apposito corso di formazione istituito o accreditato dalla Regione e avente ad oggetto l’attività anzidetta. Tali corsi sono a pagamento e sono obbligatori perché preparano al sostenimento dell’esame finale che permette di ottenere l’abilitazione di mediatore immobiliare. I corsi di formazione sono diversi e numerosi ma, in linea generale consistono nella formazione teorica della durata di diverse centinaia di ore di lezione, che vertono principalmente sui seguenti argomenti di tipo:

  • Giuridico, soffermandosi sui tipi di contratto da gestire (compravendita, locazione), sull’ipoteca, sul contratto di agenzia e mediazione, sui mezzi di pagamento, sugli adempimenti in materia di antiriciclaggio e privacy;
  • Fiscale, circa la differenza tra tassa, tributo e imposta, soffermandosi sull’imposta di registro, sui casi di usufrutto, successione e donazione, sulle agevolazioni per l’acquisto della prima casa;
  • Professionale, circa i diritti, doveri e responsabilità del mediatore, i comportamenti conformi alla deontologia professionale, le tecniche di vendita e di acquisizione, la gestione dell’agenzia, il contratto preliminare, i casi di vendita di terreni, immobili industriali e commerciali;
  • Tecnico, su come effettuare la stima sintetica, analitica di fabbricati e aree edificabili, nozioni di urbanistica e di edilizia, definizioni di abitabilità e agibilità, sul regolamento condominiale e le tabelle millesimali;
  • Di marketing e comunicazione, circa le tecniche promozionali di vendita e locazione, la gestione degli immobili in asta, le nozioni su prodotti e servizi di vendita e sulla comunicazione efficace.

La frequenza obbligatoria al corso di formazione consente di maturare la preparazione necessaria per affrontare l’esame di abilitazione. Il superamento dell’esame conferma il raggiungimento delle attitudini e delle capacità professionali dell’aspirante agente immobiliare e conferisce il titolo per esercitare la professione. Tali esami, suddivisi in due prove scritte e una prova orale, sono organizzati dalle Camere di Commercio.

A questo punto per svolgere la professione di agente immobiliare è necessaria l’iscrizione nel registro delle imprese e nel R.E.A. cioè il repertorio economico amministrativo istituito presso la Camera di Commercio competente. Inoltre, si dovrà stipulare una polizza assicurativa per responsabilità civile professionale, atta a coprire eventuali danni arrecati ai clienti. Le Camere di Commercio esercitano, inoltre, potere di vigilanza sull’operato dell’agente, dando seguito alle eventuali segnalazioni di privati per comportamenti scorretti subiti.

agente immobiliare lavoro

Considerazioni per iniziare questa carriera

Il lavoro dell’agente immobiliare offre potenzialmente guadagni illimitati, perché più si lavora e più si guadagna. Inoltre, la provvigione è commisurata al valore dell’immobile sotto contratto. Oltre alla provvigione, la retribuzione dell’agente immobiliare si compone anche del rimborso spese. Tendenzialmente sono da preferire i luoghi turistici, perché il valore degli immobili è più elevato e quindi anche il guadagno. Ma anche le città universitarie offrono molte risorse, per il gran numero di studenti e docenti in cerca di una casa da prendere in affitto. Ogni mercato ha caratteristiche diverse, ma in ogni caso si dovrà anche considerare il suo grado di saturazione e verificare l’importanza dell’eventuale concorrenza.

È un lavoro adatto a chi ha buone capacità relazionali e persuasive perché dovrà lavorare a stretto contatto con le persone. Inoltre, gli orari dell’agente sono di tipo flessibile e spesso si finisce per lavorare di più nei fine settimana o al di fuori delle ore classiche di “ufficio”, cioè quando i clienti sono liberi dal proprio lavoro.

Difficilmente un’agenzia immobiliare affermata e ben avviata rifiuterà la vostra proposta di qualche settimana di prova. È il modo migliore per iniziare, testando in contemporanea la vostra motivazione. Stare in affiancamento con i colleghi di esperienza maggiore è una possibilità utile per apprendere i giusti modi per proporsi. Dovrete ispirare affidabilità e preparazione, cortesia e precisione. Potrebbe anche essere utile aderire almeno ad una delle federazioni di settore, come la Fiaipla Fimaal’Anama e l’Air per avere maggiori tutele e per essere sempre più professionale.

Anna

Blogger e collaboratrice del network PUNTO Blog. Mi occupo principalmente di salute, diritti del lavoro e tutela dei consumatori.

Commenta

Seguici su