Lavoratori.Blog

Hai un ristorante? Come aderire ai servizi di Uber Eats, Glovo, Just Eat e Deliveroo

Dopo l’escalation emergenziale provocata dall’avvento del Coronavirus all’inizio del 2020, e con le chiusure di tutte le attività produttive imposte dal Governo allo scopo di ridurre la diffusione dei contagi, uno dei settori che maggiormente ha subito un calo del volume di affari è quello della ristorazione.

Le chiusure delle attività commerciali per un periodo prolungato, le successive riaperture ma con limiti stringenti per ciò che riguarda gli orari di chiusura misti al distanziamento sociale e al divieto di far stanziare la clientela all’interno dei locali, ha ovviamente ridotto gli introiti generato diverse chiusure definitive delle attività di ristorazione, e posto molti interrogativi a chi lavora nel settore della mescita e della ristorazione.

Ora che la situazione appare notevolmente migliorata, con l’indice RT che, praticamente su tutto il territorio nazionale, è vertiginosamente calato, il paese ha riaperto i battenti, i cittadini possono circolare liberamente e tornare, anche, alle tradizionali abitudini, compresa quella di uscire a pranzo o a cena per regalarsi un momento di pace gustando piatti prelibati.

Resta però un elemento: quello che lega i ristoratori alla  necessità di fornire alla clientela un maggior numero di servizi pur di fidelizzarli, e il primo tra tutti è quello della consegna a domicilio dei pasti.

Ormai in tutte le città la popolazione ha preso l’abitudine di ordinare via web, tramite App o telefonicamente i pasti. Al di là, quindi, della situazione passata, in cui non era possibile fare diversamente, ecco che l’adesione dei ristoratori ai servizi di consegna a domicilio resta uno dei plus da dedicare alla clientela, anche per risollevare le sorti di un settore che ha subito perdite ingenti.

Hai un ristorante e ti piacerebbe poter offrire ai tuoi clienti la consegna tramite una delle organizzazioni che si occupano di food delivery?

Puoi scegliere tra Uber Eats, Glovo, Just Eat e Deliveroo!

Nei prossimi paragrafi troverai l’approfondimento con tutte le informazioni utili per aderire al servizio e per ogni tipo di organizzazione di consegna a domicilio.

Uber Eats

Uber Eats è un’importante organizzazione statunitense che dal 2014 opera attraverso una piattaforma attraverso la quale è possibile gestire le consegne a domicilio dei pasti.

Offre ai ristoratori l’opportunità di aderire al servizio e di proporre alla clientela la possibilità di scegliere dal menù i piatti preferiti, per poi riceverli comodamente presso il proprio domicilio direttamente consegnati da un fattorino di Uber Eats o da un proprio dipendente.

Come aderire al servizio di Uber Eats

Se hai scelto di aderire al servizio proposto da Uber Eats, il primo passo da compiere è quello di inviare la tua richiesta.

Cliccando sul link Diventa un ristorante partner di Uber Eats si accede al modulo online da compilare con i dati richiesti. E’ necessario rispondere ad alcune domande selezionando il tipo di risposta dai menù a tendina: è importante questa fase, per dar modo a chi riceve la richiesta di individuare immediatamente il tipo di locale e le esigenze specifiche.

Un esperto del settore commerciale contatterà il ristoratore, fornendo tutte le  informazioni necessarie e in base alle caratteristiche del locale.

I costi del servizio

Due sono le voci di spesa che il ristoratore dovrà mettere in bilancio. La prima è la tariffa una tantum di attivazione del servizio, rappresentata da una spesa di circa 200 euro che da diritto a ricevere un kit di benvenuto che contiene:

  • Un tablet
  • Il software gestionale
  • Un servizio fotografico professionale del locale che viene pubblicato sulla vetrina della piattaforma web di Uber Eats

La seconda voce è rappresentata dalla percentuale che Uber Eats trattiene per ogni ordine consegnato, ed è pari al 30% sul totale dell’ordinativo.

Come funziona la consegna dei pasti con Uber Eats

Dopo aver stretto l’accordo, la collaborazione può iniziare immediatamente e si svolge attraverso la piattaforma web e il software gestionale installato sul tablet.

Il ristoratore deve caricare il menù nella sua area, rendendolo così pubblico alla clientela che potrà scegliere di ordinare i pasti tra i piatti proposti. Dopo aver ricevuto le comande si devono preparare i piatti e attendere l’arrivo del fattorino che li recapiterà al cliente.

La consegna avviene attraverso la rete dei fattorini, che a loro volta si rendono disponibili attraverso la piattaforma web. Possono essere persone munite di bicicletta, scooter o macchina. Se il ristorante ha già il personale da impiegare per le consegne a domicilio, sarà sufficiente comunicarlo all’organizzazione.

Informazioni e assistenza

Se si desiderano maggiori informazioni o assistenza si può inviare una mail alla seguente casella di posta elettronica:

La piattaforma web per ottenere maggiori informazioni si raggiunge cliccando sul link: Uber Eats online.

Glovo

Tra le organizzazioni che sono specializzate nelle consegne a domicilio e che sono leader del settore a livello internazionale, parliamo ora di Glovo.

Quest’azienda spagnola è approdata in Italia nel 2016, e nel 2019 ha acquisito il servizio per l’Italia della tedesca Foodoora, riuscendo così a sviluppare un grande progetto di espansione a livello internazionale.  

Come aderire al servizio di Glovo

Se si preferisce aderire al servizio di consegna dei pasti a domicilio offerto da Glovo, è necessario iniziare compilando il modulo online di richiesta informazioni. Comunicando se si è titolari di uno o più locali di ristorazione, selezionando le opzioni dal menù a tendina si permetterà al settore commerciale di Glovo di preparare una proposta personalizzata.

I costi del servizio

Le spese da affrontare sono quelle relative all’attivazione del servizio, che dovrebbe aggirarsi su una somma che si aggira sui 200 euro. Inoltre vanno calcolate le commissioni per singola consegna, che si attestano su una percentuale che può arrivare fino al 35% calcolata sull’importo del singolo ordine consegnato.

Come funziona la consegna dei pasti con Glovo

Dopo aver aderito, gli ordinativi da parte dei clienti arrivano tramite l’App sviluppata appositamente per i ristoranti che aderiscono al servizio. La consegna è garantita al cliente entro 30 minuti dal pagamento dell’ordinativo e viene effettuata attraverso la rete dei fattorini che si rendono disponibili al servizio oppure con personale del ristorante.

Informazioni e assistenza

Per avere maggiori informazioni sul servizio di consegna a domicilio dei pasti, cliccare sul link Glovo online per accedere alla piattaforma web ufficiale.

Just Eat

Passiamo ora alla londinese Just Eat, una tra le prime imprese lanciate sul mercato nel settore  delle consegne dei pasti a domicilio. L’azienda copre l’intero territorio nazionale col suo servizio dedicato al food delivery.

Come aderire al servizio di Just Eat

I ristoranti che desiderano aderire al servizio di consegna a domicilio dei pasti possono iniziare l’iter di adesione compilando il modulo online a cui si accede cliccando sul link: diventa un partner di Just Eat.

Entro breve tempo si riceverà una telefonata da parte di un professionista del settore commerciale, che ponendo domande relative alla propria attività di ristorazione potrà comprendere meglio le necessità individuali e proporre una soluzione personalizzata.

I costi del servizio

Per ciò che concerne i costi da sostenere, è necessario mettere in bilancio il costo di attivazione che è di circa 150 euro, cui vanno aggiunte le commissioni per ogni consegna effettuata, che variano dal 10% al 15%.

Come funziona la consegna dei pasti con Just Eat

Con Just Eat le consegne dei pasti avvengono attraverso fattorini del ristorante, perché l’organizzazione funge solo da intermediario tra la clientela e i ristoranti.

Il ristoratore riceve le ordinazioni in tempo reale attraverso il dispositivo mobile, e può così gestire le comande con molta facilità.

Informazioni e assistenza

Per ottenere una panoramica più ampia del servizio di consegna a domicilio dei pasti con Just Eat, si può visitare la piattaforma web ufficiale cliccando sul link: Just Eat food delivery.

Per chi ha già stipulato un contratto di adesione, è sufficiente inserire i dati di login e accedere all’area personale per contattare l’assistenza clienti, oppure telefonare al centro di assistenza digitando il numero:

  • 02 36563630

Il servizio telefonico è attivo 7 giorni su 7 dalle ore 10:00 all’una di notte.

Deliveroo

Azienda inglese che opera anch’essa nel settore del food delivery, l’inglese Deliveroo è stata lanciata sul mercato nel 2013, e poi – grazie a un grande progetto di espansione – è approdata in Europa, giungendo in Italia nel 2015.

Attualmente è leader a livello mondiale, e i suoi servizi di consegna a domicilio attraverso la rete di fattorini, coprono persino il territorio arabo.

Come aderire al servizio di Deliveroo

I ristoranti che desiderano aderire al servizio di consegna a domicilio proposto da Deliveroo, devono compilare il modulo online: diventa subito partner di Deliveroo.

Rispondendo alla serie di domande presenti sul modulo online, si personalizza al massimo la richiesta e in breve tempo si riceve un contatto dal settore commerciale dell’azienda.

I costi del servizio

La commissione una tantum che si deve versare per attivare il servizio è di circa 200 euro. Le percentuali sono calcolate in base al tipo di ristorante, alla media delle consegne e ad altri parametri di valutazione.

Informazioni e assistenza

Per accedere alla piattaforma web cliccare sul link Deliveroo online.

I ristoranti che aderiscono hanno l’opportunità di utilizzare l’Hub Restaurant, un sistema informatico attraverso il quale è possibile gestire gli ordini, creare offerte e promozioni e anche chiedere informazioni e assistenza.

Emilia Urso Anfuso

Giornalista, scrittrice e conduttrice radiofonica.
Scrive per Libero - edizione in edicola - di politica, economia e attualità.
Collabora con altre testate di informazione nei settori della macro economia e del fisco.
Scrive per consumatori.blog, assistenza-clienti.it e lavoratori.blog.
Fondatrice e direttore responsabile, dal 2006, della testata giornalistica di informazione online: www.gliscomunicati.it
Sociologa.
Esperta di comunicazione.
Scrittrice: i suoi libri sono in vendita su Amazon.

Commenta

Seguici su