In Svizzera i tirocini possono essere curriculari o extracurriculari. Si parla di stage curriculari se appartenenti ad un piano di studio, nell’ambito del percorso di formazione. Si tratta, invece, di stage extracurriculari se non sono diretti all’orientamento ma all’acquisizione di competenze professionali, attraverso il giusto equilibrio tra teoria e pratica.

La distinzione tra un tirocinio ed un altro, quindi, dipende molto dal momento del suo svolgimento. Si tratta di formazione continua, se lo stage deve servire ad ampliare il proprio bagaglio culturale ed aiutare nell’orientamento delle successive scelte professionali. Oppure, di formazione professionale di base se lo stage deve consentire l’acquisizione di competenze ed esperienze professionali. 

Il quadro normativo in Svizzera

In Svizzera lo stage è assimilato ad un vero e proprio lavoro, tanto che è previsto l’apposito contratto individuale speciale di lavoro. La particolarità, più che legittima, di un contratto di stage è che la gran parte della retribuzione è rappresentata dalle attività formative a favore dello stagista.

Infatti, la maturazione di significative esperienze e competenze hanno un valore intrinsecamente più elevato della semplice retribuzione in denaro. Si realizza, pertanto, uno scambio equo in cui lo stagista si arricchisce professionalmente e culturalmente, guadagnando anche un compenso economico.

La controprestazione è data dalla sua prestazione lavorativa alla luce delle attività formative ricevute. Giuridicamente, affinché un contratto di stage sia valido, deve essere stato stipulato in forma scritta e deve ricevere l’approvazione dell’autorità cantonale.

Le parti del contratto sono: la persona in formazione e l’azienda formatrice. Se il contratto viene concluso con un minorenne, è necessaria la firma del rappresentante legale. Simile ad un contratto di lavoro, il contratto di tirocinio regolamenta tutti gli aspetti relativi alla prestazione dello stagista: orario, durata, contenuto, salario e diritti dello stagista.

Addirittura sono previste anche le ferie retribuite, ma per stage di durata superiore ai 3 mesi. Precisi obblighi anche per il “datore di lavoro”, che deve impartire un’adeguata formazione attraverso soggetti qualificati. In Svizzera lo stage prevede anche il periodo di prova, tipico dei contratti di lavoro e che deve durare almeno 1 mese e massimo 3 mesi.

Il contratto di stage, inoltre, può prorogare il periodo di prova, fino ad un massimo di 6 mesi, ma solo per validi motivi. Infine, può essere interrotto per gravi motivi o disdettato di comune accordo delle parti, in qualsiasi momento.

Svolgere uno stage in Svizzera

Anche in Svizzera lo stagista deve essere affiancato da un tutor qualificato, che sappia garantire il supporto necessario e provvedere alla formazione oggetto del contratto. Al termine dello stage, il tirocinante riceve l’attestato di stage, cioè un certificato in cui il datore di lavoro certifica obbligatoriamente la durata, le attività svolte e le competenze maturate.

Lo stagista può anche richiedere che il certificato contenga ulteriori informazioni, come la descrizione del suo profilo professionale e la condotta mantenuta durante il suo svolgimento. 

Nel caso della formazione professionale di base è richiesto di completare la formazione con un periodo di pratica professionale, che corrisponde al noto tirocinio curriculare. La stipulazione del contratto di stage, a questo punto, deve contenere sia elementi del contratto individuale di lavoro che del contratto di tirocinio.

Il lato economico della vicenda è costituito da un’indennità, la cui misura è regolata da apposite convenzioni. La retribuzione dipenderà dalla mansione svolta e dal luogo del tirocinio. Si può comunque affermare che la remunerazione media si aggira intorno ai 2 mila e 500 franchi svizzeri mensili, pari a circa 2 mila e 200 euro. 

Come trovare lo stage ideale 

Il primo passo è verso l’ufficio stage e relazioni internazionali della vostra università, in cui avere tutte le informazioni in tema di agevolazioni riservate a studenti, laureandi e laureati e in team di borse di studio, per rendere più accessibile la mobilità studentesca.

Un passo obbligato, inoltre, è quello di visitare il portale www.orientamento.ch/Si trattadella più grande banca dati, costantemente aggiornata, dei posti di tirocinio disponibili. La ricerca del tirocinio ideale si può effettuare per professione e per luogo alla seguente pagina https://www.orientamento.ch/dyn/show/2930

Ad oggi è indicativa di un serio modo di fare l’incredibile offerta di tirocini, quantificati nel momento della stesura di questo articolo in ben 27.919. Inoltre, con l’inizio della stagione estiva, sono previste ulteriori offerte puntualmente aggiornate.

Da sapere, inoltre, che la Svizzera aderendo all’accordo di Schengen richiede per l’ingresso il passaporto o una carta d’identità valida per l’espatrio.

Se il tirocinio ha durata non superiore ai 3 mesi, allora non è richiesto il permesso di soggiorno. Se, invece lo stage dura più di 3 mesi, il tirocinante di zona UE dovrà richiedere un permesso per soggiorni brevi, mediante registrazione alle Autorità locali entro 14 giorni dall’arrivo. Infine, è necessario dimostrare di avere adeguati mezzi per poter sostenere le spese relative ed indicare l’azienda presso cui verrà svolta la formazione.

Per quanto riguarda l’alloggio, si può fare riferimento agli ostelli della gioventù, oppure consultare il portale degli studenti svizzeri alla pagina https://www.students.ch/fr/logement/list

Queste sono le soluzioni più economiche, visto che il costo degli alloggi in Svizzera è molto alto e, senza una borsa di studio, può risultare difficoltoso provvedere ad un alloggio a pagamento.

Vantaggi e destinazioni per uno stage in Svizzera

La Svizzera è famosa per l’alta qualità della vita, per le ottime condizioni dei lavoratori e per un salario minimo altissimo. Nel Canton Ticino si tratta di circa 3 mila franchi svizzeri al mese, pari a oltre 2 mila e 600 euro al mese.

Di contro, anche il costo della vita è più alto che in Italia, ma rassicura completamente la misura degli stipendi medi percepiti in Svizzera, circa 5.500 euro al mese. Un traguardo difficilmente raggiungibile in Italia in cui la principale ricerca riguarda il lavoro in sé e non un lavoro bene retribuito.

La meta preferita in Svizzera è Zurigo, al settimo posto nella classifica mondiale delle migliori città in cui studiare e lavorare. Zurigo è il principale centro economico e finanziario in Svizzera, in cui si guadagna di più al mondo.