Lavoratori.Blog
vacanze e villaggi turistici

Lavorare in villaggi turistici: le professioni per chi vuole lavorare e viaggiare

Il villaggio turistico è una particolare struttura ricettiva formata da un complesso di alloggi che differiscono dal ramo alberghiero tradizionale, essendo spesso costituiti da chalet e bungalow collocati all’interno di un resort, cioè una più ampia struttura che contiene tutti i servizi che possono essere necessari durante le vacanze. Quindi ristoranti, bar, palestre, centri benessere, negozi, piscine, centri sportivi. All’interno dei villaggi turistici ruotano una serie numerosa di figure professionali, ognuna con un preciso compito, perché niente è lasciato al caso, come un’occhiata distratta potrebbe far credere.

Il villaggio turistico nasce come un luogo che deve servire ai turisti ospiti per reintegrare le energie, dedicarsi al relax, curare il proprio benessere. Si tratta di quel genere di vacanze in cui la componente avventurosa è ridotta, per lasciare spazio alla programmazione di ogni attività al fine di impiegare nella maniera più efficiente il tempo libero. La massima organizzazione di un villaggio turistico cela dietro di sé grande impegno, massima professionalità e ottima capacità di relazionarsi con clientela sempre diversa e sempre più esigente.

Le figure professionali

Lo staff di un villaggio turistico è molto ampio e diversificato, perché tante solo le attività e i servizi offerti ai turisti. È possibile ripartire l’organizzazione di un villaggio turistico in più aree e al loro interno è possibile individuare tante figure professionali che si rivelano tutte, a loro modo, necessarie:

  • Direzione: Capo villaggio;
  • Reception: Guest relations manager, Receptionist, Responsabile trasporti/navette;
  • Cucina: Cuoco capo partita, Commis di cucina, Demi chef di partita, Panettiere, Pasticcere, Cameriere, Barman;
  • Animazione e Spettacoli: Responsabile animazione, Animatore, Musicista/Cantante, Costumista, Tecnico suono/luci, Coreografo, DJ, Scenografo;
  • Benessere: Responsabile Spa, Parrucchiere, Operatori massaggi e trattamenti;
  • Sport: Assistente bagnanti, Assistente vela, Assistente wind surf, Assistente immersioni, Assistente tennis, Assistente golf, Assistente fitness, Assistente tiro con l’arco;
  • Aree specifiche: Operatori specializzati per attività studiate: per i bambini (diverse a seconda dell’età), per gli anziani e per i disabili.

Il villaggio turistico riserva un posto per tutte le particolari esigenze dei suoi ospiti e garantisce soddisfazione in caso di soggiorni familiari o con amici. Lo svago deve essere alla portata di tutti.

Diventare animatore nei villaggi turistici

La figura professionale in assoluto più richiesta nei villaggi turistici è quella dell’animatore. Si può distinguere la figura dell’animatore a seconda del ruolo e dell’esperienza, secondo una precisa gerarchia. Si può, così, avere l’occasione di incontrare:

  • Capo Animatore: è il cardine dell’intrattenimento dell’intero villaggio. Punto di riferimento di tutti gli altri animatori, cura l’inserimento e la formazione di tutti gli animatori facenti parte dello staff.
  • Responsabile Diurno: fa da secondo al capo animatore e organizza, in accordo con lui, tutte le attività diurne. In assenza del capo animatore, ne ricopre i compiti e responsabilità.
  • Responsabile Mini Club: si occupa di tutte le attività destinate agli ospiti più giovani del villaggio, oltre a gestire lo staff del Miniclub. Deve avere una buona esperienza e una formazione in ambito psico-pedagogico.
  • Staff sportivo: organizza le attività sportive in spiaggia ed in piscina, dalle freccette, bocce e carte ai tornei più impegnativi tecnicamente e fisicamente (beach volley, calcetto, tennis, arco, etc.).
  • Staff Fitness: organizza tutte le attività fitness in spiaggia ed in piscina, a partire dall’acquagym e risveglio muscolare sino alle più particolari e complesse (total body, aero step, fit boxe, pilates etc. …). Sono richieste conoscenze specifiche delle attività praticate ed insegnate in struttura, nonché le nozioni sul corretto uso dei materiali e/o apparecchiature. Sono, naturalmente, gradite conoscenze base di primo soccorso in caso di incidenti.
  • Staff Mini Club: hanno la responsabilità di far divertire in sicurezza i bambini. Lo staff ideale deve divertirsi con i bambini, mantenendo sempre un ruolo di controllo e indirizzo del gruppo, senza mai dimenticarsi di essere il punto di riferimento per i genitori.
  • Staff Artisti, cioè ballerini, performer e cantanti.
  • DJ: organizza e gestisce tutto il materiale tecnico (audio/video/luci) ed informatico utilizzato per svolgere le attività di intrattenimento diurno e serale. È, di solito, gradita
    una buona conoscenza del panorama musicale.
  • Coreografa: coordina e gestisce la realizzazione degli spettacoli serali;
  • PR: cioè il promoter, è una figura fondamentale per tutte le attività commerciali presenti nel villaggio. È un ottimo contattista ed animatore;
  • Animatore di Contatto: forse è il ruolo più difficile perché deve, con la sua sola presenza, allietare le persone riuscendo sempre a strappare loro un sorriso. Svolge, inoltre, una funzione fondamentale che è quella di informare tutti gli ospiti dei programmi di tutte le attività che si svolgeranno nel villaggio.

Quindi, i villaggi turistici riservano una miniera di opportunità per coloro che vogliono iniziare una carriera nel settore turistico-ricettivo.

villaggio turistico

I requisiti per fare carriera nei villaggi

I requisiti richiesti all’aspirante animatore varieranno in ragione delle esigenze della struttura o dell’agenzia. Non ci sono precisi requisiti neanche a livello di disciplina giuridica della professione. Si ritiene che diversi sono comunque i fattori necessari:

  • conoscenza delle lingue straniere, per la principale funzione dell’operatore di interagire con i turisti, di qualunque nazionalità;
  • capacità organizzative;
  • buona cultura generale;
  • conoscenze specifiche in psicopedagogia, se si deve lavorare con i bambini;
  • spirito di adattamento, capacità di lavorare in team e capacità di problem solving;
  • carattere solare e spigliato, portato verso i rapporti umani, socievole e cordiale, dotato di fantasia e pazienza. Utili si dimostrano le nozioni in comunicazione efficace e psicologia.

Il risultato che si deve perseguire è la soddisfazione dell’ospite, del cliente. Quando ciò avviene allora l’operatore ha espletato efficacemente il suo compito.

Esistono tanti tipi di corsi di formazione che preparano a questa professione, che non è facile come sembra. È allo stesso tempo gratificante, se svolta con motivazione e anche con divertimento, perché per far divertire, ci si deve divertire per primi.

Questi operatori usufruiscono di vitto e alloggio e di una retribuzione fissa con rimborso spese. I guadagni possono, però, risentire della variabilità legata al periodo dell’anno, dovuto all’alta e bassa stagione e anche in ragione del luogo ove si è trovato impiego.

Anna

Blogger e collaboratrice del network PUNTO Blog. Mi occupo principalmente di salute, diritti del lavoro e tutela dei consumatori.

3 commenti

  • Prendendo spunto da questo articolo sugli animatori, vorrei fare una riflessione, molti spesso i giovani disoccupati storcono il naso, non prendono nemmeno in considerazione l’idea di lavorare come animatori turistici. Eppure non è una novità il fatto che le aziende, valutano positivamente chi ha avuto esperienze nell’animazione. Lavorare come animatore turistico andrebbe considerato come uno dei tanti mezzi per entrare nel mondo del lavoro in generale non solo in campo turistico e dello spettacolo; infatti l’esperienza come animatore turistico, forma i giovani preparandoli per un qualsiasi impiego futuro, proprio perché, si impara a lavorare in gruppo, a relazionarsi con colleghi e clienti e ad affrontare qualsiasi imprevisto che possa insorgere.
    E’ notorio il fatto che un animatore turistico entra in contatto, stringe rapporti di amicizia con tante persone e magari tra queste c’è proprio quella giusta .Parlo per conoscenza diretta del settore, da molti anni collaboro con Animandia.it che opera nel campo dell’animazione ed offre tante opportunità di lavoro in questo campo ed ho conosciuto tantissimi giovani che proprio grazie all’esperienza da animatori turistici, hanno poi avuto l’occasione di fare il giusto incontro e adesso svolgono un lavoro a loro più congeniale. Un saluto Federico

  • Ciao francesa un saluto a tutti…..Curiosità!! sapevate che adesso il ruolo di “influencer” è stato adottato anche nell’ambito dell’animazione turistica? già da qualche tempo alcune aziende del settore animazione turistica, hanno proposto una nuova tipologia di influencer, ovvero “l’animatore turistico influencer”. Si tratta di animatori turistici che operano sui social, allo scopo di diffondere tra i giovani, l’atmosfera del villaggio turistico, spiegare chi sono gli animatori turistici, quali sono i loro compiti, i ruoli e quali competenze professionali devono: conoscere ed essere in grado di eseguire. Non mancano video con aneddoti, esperienze di vita, suggerimenti. Conosco bene questa realtà, da anni collaboro con Animandia.it un sito del settore e posso affermare che è una nicchia di mercato innovativa tutta da scoprire…e non occorre la laurea, ma tanta voglia di mettersi in gioco, essere seguito e attivo sui social e ovviamente, avere esperienza come animatore turistico, se hai questi requisiti provaci e proponiti alle migliori agenzie,toru operators,organizioni vacanze.

Seguici su