Lavoratori.Blog

Corsi e certificazioni per diventare istruttore di pilates

Insegnare pilates non significa solo saper riprodurre degli esercizi, anzi, è importante conoscere l’anatomia del corpo e la biomeccanica dei movimenti, per garantire maggiori risultati ai tuoi clienti.

Vuoi diventare insegnante di pilates? E’ traguardo impegnativo e ricco di ostacoli. Scopri come proporre nella maniera migliore il potenziale di questa straordinaria disciplina, come diventare istruttore, quali certificazioni ti occorrono e quali corsi formativi sono necessari. Infine valuta le prospettive di lavoro e di guadagno, per rendere il pilates la tua attività di successo primaria!

Cosa fa un insegnante di pilates?

L’insegnante di pilates è colui che conosce ed è capace di trasmettere una disciplina ricca di qualità ed aspetti significativi. Non si tratta di semplice movimento fisico: grazie ad esso le persone acquisiscono consapevolezza dei movimenti, con l’aiuto della concentrazione mentale.

La sua origine risale agli inizi del ‘900 per volontà dell’insegnante e imprenditore tedesco Joseph Pilates. Il suo desiderio era quello di definire un programma di esercizi mirati al potenziamento dei muscoli posturali.

L’ispirazione arrivò da discipline “cugine”, se così possiamo intenderle, in particolare la danza. Prima di questa definizione il pilates prese il nome di “Contrology“: era un chiaro riferimento alla necessità di portare in comunicazione mente e muscoli, al fine di controllare quest’ultimi, esattamente come avviene nel mondo orientale, per attività sportive e fisiche.

Le competenze di un istruttore di pilates

Un bravo insegnante di pilates è capace di comprendere esigenze e qualità motorie delle persone che assiste, modulando l’allenamento in base a quest’ultimi parametri.

Devi quindi saper cogliere le problematiche dei tuoi clienti ed elaborare un metodo personalizzato a seconda dei casi. Per raggiungere questi risultati ci vuole molto studio, impegno e esperienza.

Le principali competenze, fondamentali se vuoi possedere un buon bagaglio conoscitivo, sono quindi:

  • Conoscere l’anatomia del corpo;
  • Conoscere la biomeccanica dei movimenti;
  • Conoscere il repertorio di Matwork, Reformer, Cadillac, Chair & Barrels e l’uso di tutti gli attrezzi Pilates;
  • Saper costruire un programma personalizzato sulla persona;
  • Saper applicare gli esercizi per migliorare la postura;
  • Saper modificare gli esercizi per la post-riabilitazione.

Corsi di formazione per diventare insegnante di pilates

Oggi questa disciplina è sempre più diffusa. Sono sempre più numerosi i corsi presenti sul mercato che rispondono alla richiesta di diventare istruttore qualificato. Proprio per questo motivo non tutti i corsi hanno le qualità necessarie e la scelta non risulta semplice.

La prima cosa che devi fare per scegliere il corso migliore è compiere un’analisi attenta dei piani di studi e del programma. Non lasciarti attrarre da quei corsi che preparano i propri studenti in un solo weekend: è un percorso lungo, che necessita approfondimento. 

La maggior parte dei corsi qualificati si articolano in cicli di due/tre giorni, distribuiti nel corso dell’anno o di intere settimane durante il periodo estivo. Ciò consente a quante più persone di seguire al meglio le lezioni, nonostante le varie incombenze che ognuno di noi ha. 

Il percorso formativo

Le tematiche che affronterai sono perlopiù il matwork, il reformer, la chair e la cadillac. Sono strumenti di grande utilità e importanza dal momento che si inizia ad insegnare. In alcuni corsi si affrontano singolarmente, un tema alla volta, in altri con un full immersion che li argomenta e li spiega tutti in una serie di lezioni continuative.

Dopo aver approfondito ciò studierai l’anatomia e le possibili patologie riscontrabili. Infine, studierai le questioni legate all’analisi posturale e al giusto approccio con insegnamento con l’ausilio di vere e proprie simulazioni. 

Al termine del corso, quando avrai compreso tutti gli aspetti teorici del pilates, potrai iniziare un periodo di tirocinio. In questo modo hai la possibilità di assistere a vere lezioni gestite dal tuo insegnante di corso.

Il tirocinio può durare dalle 50 alle 300 ore, al termine delle quali puoi essere ammesso all’esame finale. Puoi scegliere tu stesso tra quello orale e scritto. Al superamento dello stesso puoi considerarti finalmente un insegnante qualificato di pilates.

Le certificazioni di pilates

Nonostante molti corsi siano poco adatti e qualificati per il tuo obiettivo, ce ne sono altrettanti ottimi. Puoi trovare molti corsi con caratteristiche diverse, in base a tecniche di insegnamento, istruttori, materiali, costi e tempi di durata, ma tutti ugualmente validi.

Puoi dunque restringere le tue scelte ad un elenco delle migliori dieci certificazioni. Puoi scegliere quella perfetta per te secondo le tue esigenze.

Per questi corsi metti in conto un budget economico per ognuno dai 3000 ai 10000 euro e molte ore di impegno (200/300 in media).

Prospettive di lavoro per un insegnante di pilates

Hai terminato il corso di studi, hai compiuto un lungo tirocinio e superato positivamente l’esame finale. Ora che puoi considerarti a tutti gli effetti un istruttore di pilates, quale percorso professionale puoi svolgere?

In realtà sono numerose le strade da percorrere post diploma. Sta a te scegliere quella che ti si addice maggiormente. Qui in seguito ne puoi trovare alcune:

  • Insegnare lezioni freelance in palestre private e centri benessere;
  • Lavorare privatamente con i clienti su base uno a uno;
  • Lavorare in programmi di fitness/benessere aziendali;
  • Insegnare Pilates negli schemi di riferimento per gli esercizi;
  • Lavorare all’estero in centri fitness, navi da crociera e/o villaggi turistici;
  • Lavorare in uno studio di pilates boutique;
  • Insegnamento nelle strutture degli enti locali (es. centri ricreativi);
  • Insegnare Pilates in una scuola di danza/college;

Prospettive di guadagno di un insegnante di pilates

La domanda conclusiva dei nostri articoli è sempre la medesima. Quanto posso guadagnare lavorando come insegnante di pilates? ll tuo guadagno si aggira mediamente intorno ai 1500 euro netti. La tua paga minima sarà di circa 700 euro. Con impegno e costanza però puoi raggiungere quote limite di circa 3000 euro al mese. A determinare questi risultati saranno l’esperienza maturata e il settore professionale di inserimento.

Ti piacerebbe diventare un insegnante di pilates? Ti è stato utile questo articolo? Condividi nei commenti qui sotto la tua testimonianza, pensieri o domande e facci sapere cosa ne pensi! Ciò potrà essere utile per chi come te vuole intraprendere questa carriera.

Eleonora Zizzi

Nasco a Pinerolo, il 13 giugno del 1996. Fin da piccola, nonostante le difficoltà e il mio guerreggiare contro ogni dogma e stereotipo, ho sempre avuto nobili obiettivi in testa. A quattordici anni inizio il mio percorso liceale presso l’Istituto Porporato di Pinerolo - indirizzo Scienze Umane. Cinque anni dopo conseguo il diploma.

Faccio contemporaneamente chiarezza su cosa voglio davvero dalla vita: scrivere. Amo la scrittura creativa e viaggiare con la mente. In questi anni il mio percorso professionale e formativo, o meglio la mia storia, affonda le sue prime, acerbe radici.

Tutto ha origine con una grande passione per la poesia. Partecipo ai miei primi concorsi letterari e con mia grande gioia ottengo buoni risultati: menzioni d’onore e un attestato di vittoria. Tutto ciò mi entusiasma e i miei progetti in breve sono illimitati. Ho sempre voglia di scrivere.

Negli ultimi anni, tra alti e bassi, per molti le normali sfide della vita, la mia sete formativa si intensifica. Affino dunque le mie competenze nel copywriting, nello storytelling e nella SEO.

Commenta

Seguici su