Dopo aver conseguito il diploma di scuola media inferiore, scatta una sorta di ansia: quale tipo di diploma consentirà con maggior facilità di trovare un posto di lavoro?

Come nel caso della decisione della miglior laurea da conseguire al giorno d’oggi per avere maggiori garanzie di lavorare, anche nel delicato passaggio dalle scuole medie inferiori agli istituti superiori, è bene riflettere approfonditamente sulla scelta che si andrà a fare.

Lo scorso anno, l’allora ministro dell’Istruzione Marco Bussetti, fornì alcuni dati molto interessanti durante la presentazione del Monitoraggio Nazionale 2019 sul Sistema degli Istituti Tecnici Superiori. In massima sintesi il cuore del discorso fu questo: gli Istituti Tecnici Superiori, seppur rappresentino un nuovo segmento di offerta didattica a livello nazionale, hanno già dimostrato di essere una delle eccellenze formative.

Sempre lo scorso anno furono stanziati 32 milioni di euro e messi a disposizione delle regioni che con questo denaro possono sostenere questo tipo di istituti scolastici, che permettono non solo di assimilare la teoria delle varie aree tematiche, ma anche di fare pratica con ore dedicate alle esperienze lavorative direttamente presso le aziende. È il cosiddetto sistema duale, molto conosciuto all’estero ma ancora in boccio nel belpaese.

Ed è proprio il sistema duale a rendere ancor più facile l’ingresso dei neodiplomati presso gli istituti tecnico-professionali nel mondo del lavoro: spesso sono le stesse aziende che dedicano alla formazione degli studenti una parte del loro impegno ad assumere chi ha partecipato alle ore di pratica in azienda previste dal sistema duale.

Insomma è chiaro: i migliori diplomi per trovare lavoro e in tempo brevi, oggi sono quelli relative alle materie tecnico-scientifiche o delle aree artigianali.

In quest’articolo approfondiremo questo tema per permettere una migliore riflessione a tutti i giovani che si trovano alle prese con una delle decisioni tra le più importanti della vita e per il proprio futuro: la scelta del corso di studi superiori.

Trovare lavoro dopo il diploma: quanto tempo passa?

Per comprendere davvero quale potrà essere la scelta migliore da fare dopo la licenza di scuola media inferiore, esiste un metodo: verificare dopo quanto tempo i giovani diplomati riescono a farsi assumere e in quali settori.

Ecco di seguito i dati più aggiornati riferiti al lasso di tempo intercorso tra la fine degli studi e l’inizio dell’attività lavorativa.

A un anno dal diploma trovano lavoro:

  • il 25% dei diplomati nei licei
  • il 42% dei diplomati negli istituti tecnici
  • il 48% dei diplomati negli istituti tecnici professionali

A tre anni dal diploma trovano lavoro:

  • il 32% dei diplomati nei licei
  • il 53% dei diplomati negli istituti tecnici
  • il 59% dei diplomati negli istituti tecnici professionali

A cinque anni dal diploma trovano lavoro:

  • il 41% dei diplomati nei licei
  • il 62% dei diplomati negli istituti tecnici
  • il 69% dei diplomati negli istituti tecnici professionali

E’ chiaro come i diplomati che hanno conseguito le competenze nei settori tecnico professionali hanno maggiori possibilità di trovare lavoro anche a un anno dal diploma, percentuali che salgono col passare del tempo.

Questo significa una maggiore garanzia di collocamento al lavoro, nel breve, medio e lungo periodo.

I diplomi migliori per trovare lavoro

Dopo aver compreso che gli istituti tecnici e gli istituti tecnici professionali sono da preferire rispetto ai licei se si desidera trovare lavoro in tempi mediamente brevi, passiamo all’elenco delle aree che più di altre consentono di poter ottenere un contratto lavorativo.

Di seguito l’elenco dei diplomi maggiormente richiesti dalle aziende:

  • costruzioni, ambiente e territorio
  • servizi commerciali
  • dirigente di comunità
  • socio-psico-pedagogico
  • perito meccanico
  • perito agrario
  • perito logistico
  • perito turistico
  • amministrazione, marketing  e finanza
  • geometra
  • trasporti e logistica

Il sistema duale garantisce un contratto di lavoro in tempi brevi

Affrontiamo ora il tema del sistema duale, quel tipo di formazione che si divide tra ore di lezioni teoriche in aula e ore dedicate alla pratica, da fare direttamente presso le aziende. Un dato interessante riguarda i giovani che hanno concluso il percorso formativo entro il 31 Dicembre 2017: l’80% di essi è riuscito a trovare lavoro entro il primo anno successivo al conseguimento del diploma.

Ecco le aree con maggiori percentuali di successo nella sfida a trovare lavoro in tempi brevi:

  1. Sistema meccanica 91,9 per cento
  2. Sistema moda 86,3 per cento
  3. Mobilità sostenibile 83,4 per cento
  4. Tecnologie dell’informazione e della comunicazione 82,5 per cento
  5. Nuove tecnologie della vita 72,7 per cento
  6. Efficienza energetica 72,2 per cento
  7. Sistema casa 57 per cento

Quanto guadagna un neodiplomato?

L’aspetto economico ovviamente non è secondario. Si lavora per guadagnare oltre che per ottenerne soddisfazioni personali e di crescita.

Attualmente, e secondo i dati nazionali, a un anno dalla fine degli studi un diplomato con un contratto full time guadagna mediamente 1.028,00 euro al mese, netti.

Dopo tre anni dal conseguimento del diploma lo stipendio sale a 1.137,00 euro mentre a cinque anni si arriva a una media di 1.274,00 euro, sempre netti al mese.

E se dopo il diploma voglio continuare a studiare?

Ottima idea! Una laurea triennale o specialistica possono aiutarti a trovare lavori meglio remunerati. Per aiutarti a navigare il mondo del lavoro post-laurea, abbiamo pubblicato due guide:

Conclusioni

Se stai meditando su qual è la scelta migliore per il tuo futuro, o se sei un genitore e vuoi dare il giusto consiglio ai tuoi figli, rammenta quanto hai appena letto: farà la differenza per il futuro lavorativo che, in special modo in tempi critici anche sotto l’aspetto economico, non è un elemento marginale…